icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 11 - Il nemico biondo

Sai qual è la cosa più bella per me? Che odora di nuovo di Fadrina! In questo momento sono sdraiato sullo spesso tappeto di lana del soggiorno e il suo odore si diffonde ovunque nella stanza. Alzo il naso, annuso e inspiro profondamente. Fadrina! Potevo annusarla tra 1000 altri profumi, o meglio, forse 500. Anche il gatto Lumpazi sembra felice. È davvero premuto contro di me e fa le fusa a volume come se avesse un motore nello stomaco. Per un attimo penso a Bodensurri. Peccato che non sia potuto restare. È tornato con Marcel e probabilmente sta tramando ogni sorta di cose stupide in questo momento. Non sarei sorpreso se oggi avesse già rubato alcune prelibatezze dal grande negozio di feed.

Quando penso al dolcetto di Marcel, alzo il naso e annuso. Fino a ieri puzzava ancora di fumo acre. Tossisco ancora quando ci penso. È stato un trambusto quando sono arrivato! Mentre io e Fadrina festeggiavamo la nostra riunione, un incendio ha cominciato ad accendersi in cucina e non ce ne siamo nemmeno accorti: avevo il muso troppo in profondità nei suoi capelli e lei aveva il naso troppo in profondità nella mia pelliccia ispida. Se Marcel non fosse corso dentro gridando "C'è un incendio qui!" Chissà cos'altro sarebbe potuto succedere. Prima che io e Fadrina capissimo davvero cosa stesse succedendo, Marcel prese dal fornello la padella piena di polenta e la gettò sul fuoco, mezza rovesciata per terra e io me la permisero di mangiarla tutta. "Bel menu di benvenuto, manca solo la carne" pensai e mi spostai da parte con riluttanza solo quando Fadrina versò un intero secchio d'acqua sul fornello. Dopodiché mi sono ritirato volontariamente dalla cucina, il fumo era quasi insopportabile.

Riesci a immaginare quanto ero felice sdraiato sulla mia vecchia coperta sul divano di Fadrina? Anche se avevo ancora metà del Reno nella pelliccia e il fumo nel naso, mi sentivo come se fossi alla fine di un lungo viaggio e giurai a me stesso di non scappare mai e poi mai da Fadrina, non importa quanti agenti di polizia starebbero davanti alla porta d'ingresso. Sfortunatamente, il giuramento non è andato molto bene dopotutto, ma ne parleremo più avanti.

"Fippo, vieni?". Mi alzo subito, a quanto pare mi sono assopita per un momento. "Oggi faccio il turno di notte", dice Fadrina. Vedo che indossa l'uniforme dell'autopostale e ballo con impazienza intorno a lei. Amo le corse in autobus ancor più delle passeggiate. Quando come al solito mi accascio per terra nel retro dell'autopostale, si sente un grande saluto. Senta e Gieri, che mi accompagnano quasi tutte le volte che lo faccio io, non riescono a crederci: "Fippo, sei contro di me! Gell, in Engadina è proprio bello!» Mi graffiano e mi accarezzano e Senta di nascosto mi fa scivolare un liquore milanese, credo che forna tutto l'anno. Ma forse presto arriverà il Natale, le cime delle montagne sono già completamente bianche e le mie zampe hanno dovuto riabituarsi alla neve.

Non ci sono molti passeggeri oggi. Saliamo curva dopo curva. Conosco Guarda, dove posso sempre uscire e bere alla fontana. Poi mi sdraio sul sedile. Entrano quattro ragazzi, ridono e sussurrano e uno si ferma proprio davanti a me. sbatto le palpebre “Fippo, avanti!” Fadrina chiama attraverso l'altoparlante dal volante e io mi stringo di lato e faccio spazio. Neanche io voglio guai. Appena due curve dopo mi addormentai di nuovo.

Improvvisamente sento la mano di Fadrina su di me. "Fippo, andiamo, siamo al deposito." Apro gli occhi, è già buio. Barcollo fuori dall'autobus e fuori dal deposito, ubriaco addormentato. Un vento gelido mi soffia sul naso. Il terreno è ghiacciato, sono quasi scivolato. I primi fiocchi di neve dell'inverno si posano sul mio muso.Salto avanti, annusando qua e là, ricordo un sacco di odori del villaggio - qui per esempio, quello deve essere Oscar, un ometto che scappa sempre quando mi vede, e io sono bonario come un orsacchiotto O là, che odora di coca, a cui piace correre con me. In me si sta diffondendo un vero senso di casa.

Quando apriamo il cancello del giardino della casa di Fadrina, rallento. Qualcuno è lì in piedi e sta per aprire la porta di Fadrina. Vedo solo la sua sagoma nera alla luce della lampada esterna, ma mi basta. Questa persona non è solo chiunque. Vedo i capelli biondi. E una divisa, quasi come quella indossata da Fadrina, ma diversa. E riconosco la voce che dice: "Ah, quindi siete stati di nuovo insieme in tour in autobus?" - La voce suona amichevole, ma non mi faccio ingannare. La mia memoria è troppo buona. Questo è il poliziotto, e l'ultima volta che è stato qui voleva rompere con Fadrina.

Ondolino per un attimo. Non ho mai più voluto separarmi da Fadrina. Ora che finalmente l'ho ritrovata. Ma... se rimango, questa bionda mi prenderà e mi porterà al canile o da qualche altra parte. "Fippo, che c'è?" chiede Fadrina. Non riconosce l'uomo! Devo avvertirli e abbaiare più forte e più a lungo di quanto non faccio da molto tempo. "Fippo, che fai?" Merda, lei proprio non lo capisce. abbaio ancora di più. Ancora più forte. Sono quasi rauca. Quando il poliziotto viene verso di noi, mi giro e scappo come un levriero per uscire dal cancello del giardino. Appena lontano da qui, appena via.

Fippo scomparirà per la seconda volta, così presto dopo averti rivisto? Riuscirà Fadrina a trovarlo prima che risalga sul treno a Scuol? Tra poco scoprirete qui come andranno le cose. Addio!

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche