icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 14 - Qualcuno vuole sbarazzarsi dei cani?

Fadrina parcheggia l'autopostale e si guarda dietro. Fuori dal comune. Di solito Fippo si sveglia da un sonno profondo non appena sente il rumore di una frenata. Questa volta si appisola, imperturbabile. «Fippo, vieni! Noi siamo qui!" - Fippo alza a fatica entrambe le palpebre e guarda stupito Fadrina come se la vedesse per la prima volta. «Fippo! Cosa c'è che non va in te?" Ora sta sbattendo la coda per terra al rallentatore; una, due, tre volte, si alza pesantemente e arranca in avanti.

Fadrina ha una brutta sensazione. Questo non è il Fippo che conosce, per niente. "Forse stamattina è caduto su se stesso mentre correva con gli altri cani", pensa mentre lo spinge fuori dall'autobus e chiude la porta. Sulla strada di casa cammina stoicamente accanto a lei, senza annusare intensamente, senza tirare il guinzaglio. A casa ignora il miagolante Lumpazi e non guarda nemmeno la ciotola, lasciandosi invece accasciare direttamente sul tappeto di lana. Per meno di due minuti si sentono deboli rumori di russamento.

Il panico si insinua a Fadrina come un piccolo serpente velenoso. Cosa dovrei fare? Non ha mai avuto un cane, e se Fippo non le fosse corso incontro - meglio: l'ha avvicinata quando ha preso il posto dell'autista dell'autopostale - forse sarebbe rimasto così. Anche Kater Lumpazi è un'erede di sua nonna. Proprio come il cottage, come tutto qui. Fippo dorme e dorme, Fadrina si sdraia accanto a lui sul pavimento e solo quando vede il suo petto sollevarsi e abbassarsi e sente il rumore del respiro si calma. Allo stesso tempo, nota lunghi fili di saliva che vanno dalle sue labbra al tappeto.

Immediatamente si allarma di nuovo. Spontaneamente chiama Marcel, con cui Fippo ha soggiornato per alcune settimane quando, un anno fa, è semplicemente salito sulla Ferrovia Retica per sfuggire alla polizia ed è scomparso. Fadrina prova un brivido quando ci ripensa – non vuole rivivere quel tempo di nuovo. Marcel risponde dopo il terzo squillo. "Oh, non suona bene!" dice quando lei gli dice cosa la preoccupa. "Non sono un veterinario, ma ho imparato molto sui cani e sulle malattie dei cani attraverso il mio lavoro negli ultimi anni. Se fossi in te, lo farei visitare."

Il pensiero di Fadrina ruota attorno a una sola parola: "Malattie? Pensi che sia malato terminale? E quanto malato? Un tumore?» - Difficilmente osa pensare oltre. Ma "esso" pensa da solo. Nella sua testa, i pensieri fanno potenti capriole, sempre più veloci, sempre più selvaggi. Marcel la riporta con la sua voce calma: "Adesso non pensare al peggio. Forse ha preso un virus. Potrebbe esserci una spiegazione molto semplice. Prima di diventare sciocco, vai a dare un'occhiata e fammi sapere subito, lo prometto?" - Promette con voce debole.

Il veterinario si chiama Reto Walser, è giovane e simpatico e non parla il dialetto locale. Commossa come me, pensa Fadrina, e per qualche motivo lo trova rassicurante. "Allora vediamo cosa hai", dice, illumina gli occhi di Fippo, ascolta il suo cuore, saggia i suoi riflessi, prende il sangue. Fippo fa il morto: "Se tutti gli animali scegliessero questa strategia, anche il mio lavoro sarebbe più facile", ride Walser e porge il tubo del sangue al suo assistente, che sembra appena diplomato. “Fippo ha vomitato?” poi vuole sapere. Fadrina scuote la testa. "Più sete del solito?" - «Nessuno.»

Walser annuisce. "I sintomi non indicano avvelenamento, ma farò comunque vomitare Fippo fino a quando non torneranno le analisi dal laboratorio". Gli dà da mangiare una soluzione, che Fippo ingoia con riluttanza, e alcune tavolette di carbone.Fippo infatti deve vomitare poco dopo - ha un odore così disgustoso che lo stesso Fadrina deve combattere contro la nausea. Lei apre la finestra mentre il veterinario scompare in una stanza attigua con il grembiule che svolazza intorno.

Quando torna, Fippo è già seduto mezzo eretto. Reto Walser gli annuisce, ride e rivela una radiosa fila di denti bianchi: "Va bene". Quando si rivolge a Fadrina, diventa serio: "Prendete i sonniferi?" - "IO? No mai". - "Sei sicuro che non ci sia un pacco aperto in giro per casa tua?" - "Certamente." - "Fuori dal comune." Il veterinario guarda per un momento fuori dalla finestra aperta, dritto tra le nuvole di neve. "Tutto indica che Fippo ha preso un forte sonnifero, fortunatamente non in dosi fatali". Si lascia cadere su uno sgabello rosso con le ruote. Fadrina lo guarda impotente: "Non riesco a spiegarlo. A meno che non abbia trovato una pillola nell'autopostale. O da qualche parte nella neve, spesso lo lascio andare" - "Hmm. Sai cosa mi preoccupa? Fippo è ora il terzo cane del paese che ha mangiato sonniferi in una settimana. Questo è peculiare". - Fadrina spara: «Pensi che qualcuno stia diffondendo deliberatamente la roba? Un odiatore di cani?" - Reto Walser annuisce lentamente. "Così sembra. Altrimenti ci sarebbero molte coincidenze, soprattutto perché non ci sono sonniferi nemmeno nelle altre due famiglie”. - Fadrina si alza, con sua gioia fa lo stesso Fippo, si allunga bene e poi si scuote. «Fippo si riprenderà, abbi cura di lui. E considera la possibilità di sporgere denuncia contro qualcuno sconosciuto, anche se non è stato dimostrato che qualcuno abbia deliberatamente sparso le compresse e forse le abbia persino preparate come esca. Anche se non ha davvero senso. Di solito qualcuno prende veleno per topi o qualcosa di simile se vuole mandare i cani nell'aldilà. Ma andrebbe indagato". - "Grazie, lo penso anche io!" dice Fadrina e lascia la pratica con Fippo. Oggi Riet verrebbe a cena, gli chiederà come procedere. Aveva immaginato quella serata romantica. Nello specchietto retrovisore vede Fippo addormentarsi di nuovo.

Qual ​​è il problema con il sonnifero? Coincidenza - o è di più? La polizia indagherà? Tutto questo e molto altro è nel seguito: ci vediamo di nuovo.

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche