icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 16 - Fippo nuovo con museruola

«Si è arrabbiato adesso?» – Sospira Fadrina. Sente la domanda per la quinta volta quel giorno, questa volta dalla studentessa Carlotta. Fippo siede con il muso nel corridoio dell'autopostale vicino alla porta e guarda innocentemente il fresco verde primaverile. "Qualcuno sta preparando dolcetti con sonniferi forti, e Fippo ne ha già presi diversi: mangia tutto quello che gli passa sotto il naso", dice stancamente Fadrina e si avvia sull'autobus. Il motore trema brevemente e poi cambia in un leggero ronzio.

Carlotta si schiaffeggia la fronte con il palmo della mano: "Adesso me ne rendo conto", grida e posa a terra il suo grosso zaino, "sonniferi! Sì, naturalmente. Anche il gatto di mia nonna è barcollato nel suo cestino come un ubriaco di recente e non si è mosso per ore dopo. Mia nonna ha detto che Minusch era morto!” – “Oh no! È un male!”, dice Fadrina e guida abilmente l'autopostale fuori dalla fermata dell'autobus sulla strada principale. "La polizia non ha ancora nessuna pista, semplicemente non può esserlo!"

Carlotta non ascolta più, inserisce frettolosamente un numero sul cellulare e attraverso l'autobus urla chiaramente: "Nonna, Minusch probabilmente ha mangiato un'esca con l'anestetico. È meglio tenerlo a casa per i prossimi giorni». Ci sono solo quattro persone nell'autopostale questa mattina, è fuori stagione. Gli impianti di risalita sono fermi, è ancora troppo presto per le escursioni. A Fadrina piace questa volta, quando l'Engadina sembra più tranquilla e introversa che mai.

Utilizza il pomeriggio libero per una lunga escursione con Fippo fino al villaggio Schellenursli di Guarda. Fippo le mostra ogni minuto quanto poco pensi di camminare al guinzaglio - e con la museruola per di più. Per innumerevoli minuti ha cercato disperatamente di togliersi di dosso la cosa odiata, finora senza successo. Fa male a Fadrina vederlo farlo, ma non vuole rischiare un'altra overdose per Fippo, come aveva espressamente messo in guardia il nuovo veterinario. "Fippo, è stupido, ma finché qualcuno sta spargendo pillole, devi indossare questa cosa", gli spiega. Le lancia uno sguardo dubbioso, scuote vigorosamente la testa in tutte le direzioni, poi subito tira a sinistra, a destra, si ferma e annusa per anni, trotterella accanto a Fadrina annoiato per un momento, solo per correre a capofitto il il prossimo minuto.' t1>

Fadrina non è preparata, cade a terra e lascia andare il guinzaglio. "Fippo! Ecco!» chiama, ma Fippo è già scomparso al prossimo tornante della strada. Imprecando, si alza in piedi, fa cadere la terra dalle ginocchia e fischia. È pazza. Nelle ultime settimane ha investito molto tempo nel richiamo. Fippo è stato collaborativo e di giorno in giorno ha reagito più velocemente e in modo più affidabile al fischio. Perché ora si comporta come se non l'avesse mai sentito in vita sua? “Fippo!” Inizia a correre, gira a destra come Fippo prima - e si ferma per lo stupore.

Un giovane con un berretto nero, lunghi capelli biondi e una felpa grigia è seduto su una panchina. Gratta teneramente il petto di Fippo. Il cane preme con fiducia tutto il suo corpo contro le gambe dei jeans del ragazzo come se fosse l'amico della sua vita ed è fin troppo felice di essere accarezzato. "Pomodoro infedele," mormora Fadrina, avvicinandosi silenziosamente a loro due. Guarda il ragazzo prendere qualcosa dalla tasca dei jeans e porgerlo a Fippo con il palmo della mano. Fippo annusa, piagnucola e cerca invano di infilare la lingua attraverso la griglia del muso. Fadrina non riesce a credere ai suoi occhi quando il ragazzo cerca di togliere il muso a Fippo. “Ehi, cosa stai facendo?” chiama bruscamente e fa due passi verso la banca.Il giovane si alza come se fosse stata punto un'intera colonia di vespe e si precipita giù per la collina, seguito da Fippo "Crap!" - si mette a correre anche Fadrina, fischiettando per strada - ma non serve. Lontano più avanti sul campo, le orecchie di Fippo sbattono alla luce del sole, del giovane non c'è traccia.

Mentre correva, ha chiamato Riet, l'ufficiale di polizia che da qualche mese è anche il suo ragazzo. "Vota, presto! Penso di aver appena scacciato il colpevole: stava per fare un regalo a Fippo", ansima al telefono mentre i suoi occhi scrutano l'area alla ricerca di un giovane con Fippo nella sua scia. "Fadrina, calmati. Dove sei?” – “Un po' fuori Lavin e sotto il sentiero per Guarda.” – “Effettuiamo controlli a Scuol. Prova a scoprire dove sta andando.” – “Mi piacerebbe, ma mi è sfuggito – compreso Fippo”, ansima. "Allora a Saich! – Sei sicuro che sia lui?” Fadrina non ci pensa due volte: “Comunque si è comportato in modo abbastanza vistoso! Altrimenti non sarebbe scappato.” – “Beh, forse ha qualcos'altro nel piatto!” indovina Riet. "Cerco di venire il prima possibile. Segnalami e mandami la posizione!” Quando Fadrina vuole dire “Lo farò!”, la connessione è già terminata.

Si trova da sola sul campo e si sente indicibilmente stupida. Non un ragazzo, non un Fippo in lungo e in largo. Scene tormentose si diffondono davanti al suo occhio interiore: Fippo viene riempito di pillole, questa volta con così tante che subirà gravi danni. Con gli occhi della mente lo vede rotolare per terra dolorante, come la sua bocca schiumeggia, sente il veterinario dire: "Mi dispiace, questa volta siamo in ritardo!" - Con tanta disperazione nel cuore lei corre, scende a Lavin, gira intorno alla chiesetta, sbircia la stazione dei treni e segue il suo intuito nella sala d'attesa. C'è un'intera classe dell'asilo che chiacchiera e urla per qualcosa che all'inizio non riesce a vedere.

Ma poi sente un tremito familiare, uno sbadiglio, i bambini ridono, Fippo si alza da terra, trotterella pigramente verso di lei e lei lo abbraccia. "È il tuo cane?" chiede uno dei bambini in età prescolare, una ragazza con una coda di cavallo e un enorme spazio tra i denti. “Perché indossa una gabbia in faccia?. – Fadrina riesce a malapena a parlare, sta trattenendo tanto le lacrime. "Sai," dice poi, "mangia cose stupide e gli viene mal di pancia." - "Sì, lo faccio anche io a volte e poi mio padre prepara il tè con le foglie verdi", spiega la ragazza allegra e con un lieve balbettio. “Ma che ci fa alla stazione?” – “Gli piace solo viaggiare in treno”, spiega Fadrina. I bambini sbuffano, ridono, ridono e non riescono a smettere. Fadrina afferra il guinzaglio. “Dai, Fippo!” Con suo sollievo, cammina come al solito e non mostra segni di stanchezza. "Forse il ragazzo non ha davvero niente a che fare con le pillole", pensa, e torna a casa con Fippo. Ha perso la voglia di camminare.

In quel momento il cellulare squilla. consigliato "Fadrina, hai trovato Fippo?" - "Sì, l'ho appena trovato alla stazione dei treni di Lavin." - "Va bene. Nel frattempo abbiamo ordinato l'interrogatorio di una persona sospetta.” – “Il giovane?” – “No”, dice Riet e fa una pausa. "È una donna."

Chi è la donna così sospettosa da essere interrogata dalla polizia? E Fippo ha davvero smesso di mangiare stupefacenti? Le risposte a queste e altre domande possono essere trovate qui come sequel. Presto, presto - inizio luglio. Addio!

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche