icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 1: La vigilia di Natale: Fippo e Fadrina - un po' del crimine, un po' una storia d'amore.

Vigilia di Natale in Engadina. Quando la giovane autista di autobus Fadrina apre la porta della sua casetta, si accorge che qualcosa non va...

L'ospite di Natale non invitato

Si ferma di scatto l'autobus. "Frenata troppo tardi. E troppo bruscamente", brontola internamente. Poi fa un respiro profondo e sussurra nel microfono con voce calma: "Fine della linea. Ultima fermata." Dopo un'esitazione appena percettibile, aggiunge: "Buon Natale!"

Avrebbe potuto salvarsi il microfono. Ci sono solo due ospiti sull'autobus questa vigilia di Natale: Senta e Gieri. Come sempre. La coppia di anziani si alza a fatica. Quando è scesa, Senta si è fermata un attimo e ha consegnato al giovane autista di autobus un lungo pacco avvolto in carta dorata: "Per il nostro autista di autobus preferito. I miei Röteli fatti in casa! Buon Natale, Fadrina!” Gieri le annuisce.

È sorpresa.

Forse la gente del posto li ha presi meglio di quanto pensassero. Tu, lo straniero della città che è tornato. Al piccolo villaggio engadinese e alla casa della defunta Nana. "Grazie! Anche tu.”

La porta si chiude con un sibilo. "Oh sì, sarà un Buon Natale", pensa l'autista del bus, "tutto solo. Solo per la prima volta."

La rabbia ribolle in lei per un attimo: per il suo ex fidanzato, che probabilmente oggi è seduto sotto l'albero con il suo nuovo amore. Arrabbiata anche con i suoi genitori e le sue sorelle che festeggiano nella casa delle vacanze in Francia.

Solo?

Sospira e dà un'occhiata alle spalle. Ovviamente è ancora lì. "Su, esci! La corsa è finita. Fippo, vai, avanti."

Fippo la guarda pigramente, si alza al rallentatore, scuote i lunghi capelli arruffati e lentamente si avvicina alla porta. Di nuovo nota quanto è alto. Quasi come un vitello. E com'era spaventata quando lui salì sull'autobus per la prima volta, all'epoca a Lavin, si lasciò cadere a terra naturalmente e lo portò all'ultima fermata.

"Non preoccuparti, è sempre stato così da quando è morta la sua padrona, la vecchia Claluna. Nessuno sa dove sia di notte, magari nel vecchio ovile. Di giorno guida l'autobus”, ha detto Gieri ridendo. “Fippo sarà il tuo passeggero più fedele, conta su di esso.” Gieri aveva ragione.

terminale

Fadrina guida l'autobus al deposito, esce, chiude a chiave la porta. I fiocchi di neve cadono sulla strada di casa. Come una bambina, tira fuori la lingua per catturare i freddi tesori. Si sente sciocca. Ma a parte lei, comunque, non c'è nessuno in giro.

Quando apre la porta di casa, odora di braci fredde, come sempre. Ma c'è qualcos'altro che all'inizio non riesce a individuare: l'aria nevosa. Ha lasciato una finestra aperta? Solo allora vede Lumpazi, che ha preso il posto di Nana. Preso in consegna, come la casetta dall'odore particolare.

I miei postumi di una sbornia

Lumpazi è in piedi sulla credenza in pino, si curva e la fissa con grandi occhi verdi. Fuori dal comune. Non è mai stato lassù.

Poi inizia a miagolare, in modo accusatorio e insistente. In quel momento sente un rumore dalla stanza. Lei si blocca. qualcuno è qui lei ascolta A quanto pare anche qualcuno sta ascoltando.

Si intrufola in cucina e recupera il pesante mestolo da zuppa, la prima arma praticabile che vede. Qualcosa sferraglia nella stanza. Poi silenzio. Sente il battito del suo cuore. "Espira", dice a se stessa, "espira". Passo dopo passo, nei suoi calzini di lana, si avvicina silenziosa alla porta della stanza. il tuo cuore batte. Scuderie Lumpazi. Lei espira. Conta interiormente fino a tre, alza la mano con il fabbricante e dà una spinta alla vecchia porta di legno.

Visita imprevista

Fippo si sdraia sul folto tappeto di lana e scodinzola. La porta del patio è spalancata, un vento pungente riempie la stanza."Fippo!" Lascia cadere il creatore e inizia a ridere di sollievo. Ride e ride e non riesce a smettere.

Il viso di di Fadrina è bagnato dalle lacrime di risate mentre finalmente si ricompone per chiudere la porta del patio. "Non volevi festeggiare il Natale da solo, lo capisco", dice, affondando le dita nella sua pelliccia. "E tu sai cosa? Nemmeno io."

Una festa pacifica

Presto accende la catena di luci della sua teiera nella pentola, prende un cervelat per Fippo e un grosso panettone per sé, si stende sul divano, sorseggia il Röteli di Senta direttamente dalla bottiglia. Ha un sapore dolce e aspro allo stesso tempo.

Quando alla fine si sveglia di nuovo, Lumpazi fa le fusa sullo stomaco, Fipporussa per terra, le campane della chiesa suonano per tutta la notte e prima che si allontani di nuovo, un pensiero luminoso e caldo si diffonde attraverso il suo cervello da: Il Natale non è mai stato così tranquillo.

Ti è piaciuto il post? Vai al prossimo post qui: Parte 2 della fuga di Fippo

#cibo per cani svizzera #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano svizzera #cibo per cani migliore #cibo per cani senza cereali #cibo umido per cani #cibo per cani premium

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche