icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 9 - Minuti d'ansia per Fippo

Cosa è successo finora:

Fippo, il cane irsuto che ama viaggiare, convive da tempo con Marcel von Ani Swiss, anche se desidera ancora la sua terra e Fadrina. In questo giorno, però, sembra che il suo più grande desiderio possa avverarsi. Tutto inizia così bene, ma poi all'improvviso la vita di Fippo è in pericolo...

"Qualcosa non va, posso dirlo molto chiaramente. Marcel è sempre al telefono. Da quando l'ho sentito dire "Fadrina" di recente, riesco a malapena a dormire per l'eccitazione. Mi limito a sonnecchiare e battere le palpebre. Non che Marcel vada da Fadrina e mi dimentichi! Come fa a conoscerla? Cosa stava facendo al telefono? A volte vorrei poter capire meglio questo strano linguaggio umano. Neanche il mio amichetto qui, Bodesurri, li capisce - e il mondo ancora meno.

Prima, avevo sempre voglia di una battuta e giravo con lui nei grandi sacchi di mangime nel magazzino, oppure andavamo insieme a caccia di uno dei Bölleli incredibilmente bravi che si era rotolato in un angolo. Ora, tuttavia, sono troppo teso per una tale follia. Quando mi chiede di suonare e salta dentro, ringhio seccata. Poi se ne va, e già mi dispiace tanto per quell'ometto. Mi piacerebbe giocare con lui, ma non posso, non riesco a distogliere lo sguardo da Marcel.

Questa mattina ancora meno del solito, ho la sensazione che oggi stia per succedere qualcosa di grosso. Marcel corre avanti e indietro tutto il tempo, principalmente al telefono. Moooment, l'ho appena sentito bene? pst! Sì! L'ha detto di nuovo! Forte e chiaro! Fadrina!

Subito salto in alto dal mio soffitto. La mia coda sta scodinzolando così forte e così velocemente che ho paura che possa rompersi. Naturalmente, Bodesurri interpreta subito questo come uno stato d'animo per giocare e mi salta intorno in modo invitante. Sono così eccitato che inizio ad abbaiare forte, cosa che non faccio mai.

"Sì, puoi venire con me!", dice Marcel e mette la mia coperta, la mia ciotola e due bottiglie d'acqua in una borsa grande. "Vieni avanti" ho capito. Ora, se sapessi dove andare? Ma Marcel sta già marciando in direzione del campo, prende lì un sacco di mangime e carica tutto su un carro da trasporto, poi fischia piano.

Bodesurri ed io siamo stati uccisi e ho quasi fatto cadere Bodesurri, sono così eccitato dall'attesa. Mi sono solo calmato di nuovo nel mio box in macchina. Mentre Bodesurri sta già russando piano accanto a me e di tanto in tanto contorce le gambe nel sonno, guardo fuori dalla finestra completamente sveglio e cerco disperatamente di vedere qualcosa che mi dice che sto andando da Fadrina. Ma vedo solo macchine, macchine, macchine, a volte un cespuglio e ora; ora sta arrivando una grande montagna, ma sembra molto diversa dalle montagne vicino a Fadrina. Deluso, mi sono lasciato ricadere sulla coperta. Senza poter farci niente, i miei occhi si chiudono.

Mi sveglio quando qualcuno apre il bagagliaio. L'aria fresca mi saluta. Odora di acqua. Alzo lo sguardo confuso, ma c'è solo Marcel che apre la mia e la scatola di Bodesurri. "Vieni!" chiama. Assonnati usciamo barcollando.

Immediatamente ficco il muso in ogni ciuffo d'erba. Quanti odori sconosciuti! Mmmh, una signora dei cani stava passeggiando qui intorno. Annuso e annuso e all'improvviso siamo davanti a un fiume. Salto subito in acqua.

Mi sto lasciando trasportare, non posso fare niente. E forte è questo ruggito. Lontano sento Marcel che chiama. Lo vedo correre lungo la riva. Anch'io voglio andare a riva, ma l'acqua è più forte. Mi guida sempre di più. Ora un'onda ha tuonato proprio sopra la mia testa, l'acqua mi scorre negli occhi, nel naso, respiro senza fiato, non vedo più niente.Con tutte le mie forze nuoto verso la riva, ma subito mi lascio trasportare di nuovo, cavolo!

Non sapevo che le inondazioni potessero essere così violente. Di nuovo mi sento di nuovo trascinato sott'acqua. Provo rapidamente a emergere, ma l'aspirazione mi tira di nuovo verso il basso. Calcio e scalcio come mai prima d'ora in vita mia. Attraverso il velo d'acqua vedo Marcel e Bodesurri correre, Marcel che agita le braccia. Là! Improvvisamente sento qualcosa sotto le mie zampe. Sabbia. posso stare di nuovo in piedi! L'acqua arriva solo al mio petto.

Tossisco e respiro affannoso. Marcel chiama. Starnutisco. Marcel chiama di nuovo. Tra lui e me c'è un grosso specchio d'acqua. Mi riposo un momento? No Sento Bodesurri piagnucolare e mi preparo ad attraversare. Immediatamente sento di nuovo questa lacrimazione, ma non forte come prima. Calcio di nuovo forte, anche se sono abbastanza stanco. Calcia, calcia, non mollare, mi dico. Presto sarò di nuovo davanti a Marcel, ma andrò avanti. Calcio, calcio, calcio. Non manca molto ora. Ancora una volta raccolgo tutte le mie forze e nuoto più forte che posso.

Marcel è molto vicino. Mi prende per un braccio, mi prende per il colletto e mi tira fuori dal fiume. "Oh, grazie a Dio!" esclama, e posso vedere chiaramente una lacrima nei suoi occhi. Bodesurri balla intorno a noi come se fosse stato punto da una vespa. Scuoto l'acqua dalla mia pelliccia e non riesco a fermarmi. Dopo di che sono tornato al trotto in macchina abbastanza stanco ma molto felice con Bodesurri e Marcel. L'unica cosa che rifiuto è l'acqua che mi offre. Avevo davvero abbastanza acqua!

Sono appena tornato nella scatola prima di addormentarmi, ho così finito con la pasta. Non sento più nemmeno Marcel che avvia il motore. Ad un certo punto mi sembra di sentire la voce di Fadrina. O è solo un sogno?"


Fippo ha sentito davvero la voce di Fadrina? Attendo con ansia il seguito!

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche