icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 5 - La lunga attesa

Fadrina scende dall'autopostale, lo chiude a chiave ed esce dal deposito. Strizza gli occhi, il sole è così accecante. C'è ancora neve sui tetti delle case, ma un vento primaverile le soffia tra i capelli. Fioriscono i crochi, i narcisi, i primi tulipani. Fadrina sospira. Non riesce a togliersi dalla testa l'immagine di Fippo in fuga nella neve alta, lontano da lei, ma soprattutto lontano dalla polizia. Non lo vede dalla mattina di Capodanno.

"Fippo? Sì, mi ricordo. È venuto con me alla stazione dei treni di Scuol il giorno di Capodanno", disse il collega Mario e rise. "Il maniaco del viaggio voleva vedere qualcosa del mondo."

"Fippo? Sì, mi ricordo. t1>"Fippo? Sta tornando, non ti preoccupare!" Senta, la sua confidente nel paesino della Bassa Engadina dove vive Fadrina dalla morte della nonna, l'abbracciò e poi le raccontò del suo gatto Kennedy, che una volta è scomparsa per sette mesi e un giorno è rimasta di nuovo davanti alla porta d'ingresso, spettinata e affamata, ma stava bene.

Sette mesi! Fadrina deglutisce quando pensa alle parole di Senta. Sette mesi! Questi erano quasi quattro mesi per lei. Tanto tempo Fippo non si fece più vedere. Gli agenti di polizia sì. Soprattutto il ragazzo, che era taciturno. Un giorno si fermò di nuovo davanti alla sua porta.

"Ms. Schmid, dobbiamo controllare regolarmente se Fippo non è con te si è presentato di nuovo, lo capisci. È scomparso e il suo proprietario legale lo sta cercando”. Proprietario legale! Le parole galopparono nel cervello di Fadrina. Legalmente, ah. "Mi ha scelto come suo padrone," ribatté lei. "E se non l'avessi disturbato, sarebbe ancora qui."

La bionda la guardò a lungo. Notò le sue lunghe ciglia arricciate. Lei ricambiò il suo sguardo, spalancò la porta d'ingresso e indicò un inchino: "Per favore, sempre nella stanza buona". La camera di Fadrina, anche in bagno. "Non vuoi controllare tutti gli armadi?". Alzò le sopracciglia, solo leggermente. "Non lo faccio per divertimento." - "Aha." - "È il mio lavoro. Un revair."

La seconda volta lo fece entrare senza dire una parola. Fece il giro della casa e le fece un cenno e si allontanò trotterellando. La terza volta rimase per un po' nella sua stanza bassa davanti alla porta del patio, a guardare la neve. "E proprio Fippo non hai sentito niente?" - "Purtroppo no ."
La terza volta ha saltato il tour. "Va tutto bene. Ti credo."

La quarta volta, gli offrì l'involtino fatto in casa di Senta. Lui scosse la testa. "Non in servizio." Nella sua voce profonda poteva sentire il rimpianto. Si versò un piccolo sorso nel bicchiere di cristallo di sua nonna. Aveva ereditato gli occhiali con la casa. "Viva la Cumpania", disse solennemente e gli fece un brindisi. Riet Meier storse la bocca in un sorriso. La prima volta da quando lo conosceva. "Allora puoi riferire al tuo collega Caviezel", lo chiamò quando lui camminava a passo svelto lungo il sentiero del giardino. Si fermò e le diede uno sguardo nuovo e diverso e che non riusciva a riconoscere.

Il giorno successivo, Gian Caviezel si presentò a casa sua. "Allegra! Signora Schmid, non stiamo facendo alcun progresso sulla questione Fippo. Il suo proprietario è al limite del suo ingegno. Quindi, se sa qualcosa, qualsiasi cosa - ci dica per favore. È anche nell'interesse del cane. Bun di! Prima che potesse dire "qualsiasi cosa", lui girò sui tacchi e se ne andò.

Due minuti dopo il campanello suonò di nuovo. Infastidita, Fadrina aprì la porta. «Ti sei dimenticato della perquisizione della casa?» Senta trasalì."Cosa ho dimenticato?" - "Oh, sei tu!" - "Fadrina, stanno cercando Fippo!" - "Lo so!" - "Nai, non la polizia! Due ragazze!" Senta frugò nella sua malconcia borsa di pelle e carta stropicciata hanno riportato alla luce "Ecco! Gieri ieri era a Zurigo in treno. Era appeso alla finestra del suo scompartimento.» Fadrina fissò il biglietto con stupore. Riconobbe un'immagine sfocata di Fippo scattata in uno scompartimento del treno. Il testo era scritto a grandi lettere rosse e ricordava una richiesta di riscatto:

Chi ha visto il nostro cane? È scappato alla stazione ferroviaria di Landquart.
Saremmo grati per qualsiasi informazione. Elisa e Leni.
La foto ritraeva due adolescenti, una bruna e una bionda scura con i capelli lunghi.

Il forte sussulto di Senta riportò indietro Fadrina. "Lo capisci? Fippo apparteneva alla vecchia Claluna e poi a te. Li conosci entrambi?" Fadrina scosse la testa. Cercò di capire quello che aveva sentito. Prima la signora di Bregaglia, che dichiarò di essere la proprietaria di Fippo . E ora e queste due ragazze. Ha composto il numero accanto alla foto. Il combox è scattato. Fadrina ha chiuso la chiamata.

Quando finalmente ha raggiunto Elisa, ci sono voluti solo tre minuti per far emergere la verità. Fippo sul treno. E voleva adottare. E Fippo se n'era andato prima che potesse succedere.

È passato più di un quarto da allora e gran parte della neve. Nessuno sembra aver visto Fippo, almeno potevano Diglielo Elisa al telefono. Sembra che nessuno lo abbia sentito.

"Prendi un altro cane, i canili sono pieni!", disse Mario.
"Devi dimenticarlo!", disse Senta .

Fadrina non vuole un altro cane né dimentica.
Lei vuole Fippo.

Come lei Quando arriva nella sua casetta, la porta del giardino è aperta. lei si guarda intorno Strano. Lei chiude sempre la porta. Forse il postino ha lasciato un pacco. Ma non c'è nessun pacco davanti alla porta d'ingresso. Ecco Riet Meier. "Ho delle novità," la chiama, guardandolo cupo...

Ti è piaciuto il post? Clicca qui per il prossimo post: Parte 6 - Fippo in Paradiso

#cibo per cani svizzera #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano svizzera #bestes cibo per cani #cibo per cani senza cereali #cibo umido per cani # cibo per cani premium

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche