icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 4: avviso ormonale!

Cosa è successo finora:

Fippo, il cane irsuto che ama viaggiare, è scappato dalla polizia ed è salito alla RhB di Scuol. Ovviamente non è passato inosservato a lungo. Quando i proprietari sono stati perquisiti attraverso l'altoparlante, due giovani si sono messi in contatto e hanno dato Fippo come loro animale domestico. Ma Fippo vuole solo una cosa: tornare da Fadrina il prima possibile. Come se ne esce? Ecco la sua quarta avventura:

"Era angusto nello scompartimento delle due ragazze, mi sono dovuta accovacciare. Finsi di dormire, ma controllai la situazione sotto le palpebre. Perché non avevo intenzione di tornare a casa con loro. Anche se sembravano abbastanza carini. Quello con i lunghi capelli biondi, che dall'altro veniva sempre chiamato "Leni", mi ha regalato un Landjäger intero. Fu solo allora che mi resi conto di quanto fossi affamato. L'altra, con una pettinatura arruffata simile alla mia, tese un cuore di cioccolato sulla sua mano tesa. Non sembravano sapere molto su una dieta equilibrata per cani, che andava bene per me.

Ho chiuso le orecchie e potevo ancora sentirle ridere e chiacchierare senza sosta. Non riuscivo a collocare le loro voci. "Ha funzionato davvero bene", sussurrò uno, e l'altro rise. Poi l'altro disse: "Ho sempre voluto un cane, ora adottiamo questo dolce ragazzo!" e uno balbettava. Ho continuato a fingere che non fossero affari miei, quando erano affari miei, dopotutto loro stavano negoziando il mio futuro.

Devo essermi appisolato ad un certo punto. L'aria calda, il tintinnio costante, lo scroscio nella neve questa mattina... anche un viaggiatore brillante come me scompare rapidamente nel regno dei sogni. Mi sono svegliato solo quando, mezzo addormentato, ho prima notato un nuovo odore acre e poi ho sentito una voce profonda. Mentre sollevavo goffamente le palpebre a metà, guardai direttamente dei grandi stivali da uomo neri. Erano bagnati dalla neve. L'uomo che apparteneva agli stivali stava dicendo: 'Il cane è mezzo biglietto. Devi prima risolverlo. Te l'ho già detto nel bagagliaio." Leni si guardò i piedi, imbarazzata: "Scusa, dimenticavo. Lo abbiamo portato spontaneamente con noi!”

"Dove stai andando comunque?" chiese Mr. voce bassa, suonando più indulgente. La donna dai capelli scuri gridò: "Zurigo stazione centrale!" - Zurigo? Alzai la testa allarmata. Non lo sapevo, ma non stavo andando a Landquart? Cosa devo fare all'improvviso a Zurigo? Qualcosa mi ha messo in guardia su Zurigo. Dev'essere stato molto più lontano da Fadrina di questo strano Landquart con tutta quella terra.

Il conduttore e le due ragazze erano impegnate con i cellulari. Ho chiuso di nuovo gli occhi. Era ancora lontano da Landquart? Prima che potessi preoccuparmi ancora, il sonno mi sopraffece di nuovo. Questa volta una forte scossa mi ha svegliato. Il treno si è fermato. «Landquart, capolinea», risuonò l'altoparlante. Le ragazze andarono a prendere in fretta cappelli, guanti e giacche dallo scaffale. “Elisa, tieni il cane tu!” comandò Leni, ma poi mi spinsi in avanti nello stretto corridoio. "Ehi, siediti! Attesa! Fermati!” La voce di Elisa si incrinò, ma io non stavo ascoltando. Le altre persone risero. "Il cane non ti segue", disse un ragazzino e rise più forte di tutti.

Ho girato la testa. Tra me ed Elisa c'erano due famiglie con slittini, sci e valigie su ruote. Quando la porta del treno si è aperta, sono quasi volato sul binario.Mi sono arrampicato su e ho accelerato prima che le mie madri adottive potessero prendermi: prima dritto, dovendo schivare il flusso di persone ancora e ancora, poi giù per il sottopasso, prendendo una brusca a sinistra, superando innumerevoli persone con i loro bagagli, snowboard e bob , continuavo sempre finché non tornava la luce del giorno e mi ritrovavo in un enorme parcheggio

Mi sono fermato di colpo sotto shock. Una fila di macchine attraversò la piazza a passo di lumaca. Qualcuno ha suonato il clacson. Mi faceva male miseramente nelle mie orecchie sensibili. Che brutta frequenza. Come se non bastasse, suonò di nuovo il clacson. Da due, poi da tre auto. tremavo di paura. Mi ci è voluto un bel po' per capire: stanno suonando il clacson per colpa mia! Sono scappato velocemente verso le case davanti a me. C'era odore di salsiccia lì. Un barbecue! Ho annusato. E sdraiati discretamente sul freddo pavimento di cemento, proprio dietro la donna che stava davanti a quella griglia a friggere salsicce.

Mentre stavo sdraiato e aspettavo che almeno un pezzo di salsiccia mi volasse davanti al naso, un'idea invece mi è venuta in mente. Se il treno rosso mi avesse portato dall'Engadina a Landquart, allora mi avrebbe riportato anche da Landquart in Engadina. O? Più probabilmente! Ecco come doveva essere. Un treno torna sempre da dove è venuto. O? O? Come Fadrina con il suo autobus. Tornava ogni volta. Ogni volta! All'improvviso avevo nostalgia di casa. Oh Fadrina. Che bello sarebbe sdraiarsi sulla coperta di lana nel suo accogliente soggiorno. O sul tappeto. O proprio davanti al suo letto. Certamente non era affatto pericoloso. Probabilmente i poliziotti avevano rinunciato alla ricerca. E così ha fatto la donna che ha affermato di essere la mia proprietaria. Quindi non c'era motivo di stare lontano da Fadrina. Nessuno.

Con una forte scossa, ho sollevato le mie fredde membra e sono strisciato attraverso il sottopassaggio fino alle piattaforme. Ora tutto quello che dovevo fare era prendere il treno giusto. quello rosso Quello era il colore che mi avrebbe condotto da Fadrina. Rosso In quel momento, un profumo irresistibile mi colpì le narici. No, non dopo la salsiccia. Non dopo Landjäger. Nemmeno dopo Schöggeli. Ho guardato in alto e lì l'ho vista! La cagnolina più attraente della mia vita!

Nero, con pelliccia lucida. Alto quasi quanto me. E come aveva un odore seducente! Come controllato a distanza, trotterellai dietro di lei, su per le scale, sulla piattaforma di fronte. La signora dei cani mi ha ignorato. Non era sola. Un uomo con un berretto rosso, piumino blu e stivali di pelle le teneva il guinzaglio con una mano mentre leggeva il giornale aperto con l'altra. L'ho sbloccato inosservato. Ho quasi avuto le vertigini. Quel profumo! Doveva essere quel tanto citato amore a prima vista! L'intera stazione sembrava girare. Probabilmente stavo per svenire. Ho cercato di espirare con calma e pensare a qualcos'altro. Al Landjäger, per esempio.

C'era un piccolo ingorgo davanti alla porta del treno e per alcuni secondi sono riuscito ad avvicinarmi ancora di più con il naso. Sorprendentemente, la cagnolina ha girato la testa e mi ha lanciato uno sguardo punitivo prima che il suo proprietario le dicesse risolutamente di andare avanti. "Vieni, Aika, piede!" Aika! Mi sentivo come se non avessi mai sentito un nome più bello. Aika!

In trance, ho seguito il suo odore. Quando Aika e il suo padrone entrarono in uno scompartimento, io continuai a correre senza farsi notare e mi sistemai in uno scompartimento più avanti. Per fortuna era vuoto. In generale, qui non c'erano tanti sciatori come sul treno prima.Riuscivo ancora a sentire l'odore di Aika dall'altra parte dello scompartimento! E come potevo annusarli! Mi sono completamente arreso all'odore inebriante fino a quando l'altoparlante mi ha brutalmente svegliato dal settimo cielo: "Questo treno va a Basilea, diretto alla stazione centrale di Zurigo!" Come se una vespa mi avesse punto, sono saltato in piedi e sono corso verso la porta Troppo tardi. Il treno era appena partito.

E Aika e Fippo? E come sta Fadrina in Engadina? Attendo con ansia il seguito oggi!

Clicca qui per il prossimo post: Parte 5 - La lunga attesa!

#cibo per cani svizzera #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano #cibo per cani sensibile #cibo sano per cani svizzera #cibo per cani migliore #cibo per cani senza cereali #cibo umido per cani #cibo per cani premium

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche