icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 3: Il viaggio di Fippo nell'ignoto

"Ho subito notato che qualcosa non andava. Sento odore di poliziotti a 100 metri di bolina. Anche se non ho mangiato niente. Solo che volevo stare con Fadrina. Non solo perché ama guidare l'autobus tanto quanto me. Mi sono innamorato un po' di lei. Ma quando i due poliziotti hanno suonato il campanello e ho sentito per caso qualche parola, tipo "Soglio", dove abita il mio padrone, i campanelli d'allarme hanno suonato come una sirena nelle orecchie del mio cane. Lontano da Fadrina – mai in vita mia! Mentre gli agenti di polizia parlavano e sembravano mezzo addormentati, io feci un piano in silenzio. io correrei E torna qualche volta. Quando tutto il trambusto sarà finito.

Quando arriva il momento cruciale, scappa dalla porta principale oltre il Landjäger senza parole. Le mie gambe sono velocissime, volo nella neve mentre un Landjäger cerca di prendermi. Sprofonda fino alle ginocchia, ma io volo elegantemente come una gazzella in direzione di Dorfstrasse.


L'autopostale si sta dirigendo verso la fermata dell'autobus. Questo è un segno! Al volante c'è Mario, il collega di Fadrina. A parte lui sull'autobus non c'è nessuno e ricordo che è la mattina di Capodanno e probabilmente tutti dormono ancora. “Ehi, Fippo, cosa sta succedendo nel treno uma?” dice e io mi sdraio a terra con la mia pelliccia piena di palle di neve e i pantaloni davanti a me. Uno sguardo attento fuori dalla finestra rivela che il Landjäger non mi ha seguito, o che non mi ha raggiunto. Se solo l'autobus parte presto! Ma Mario abbassa il finestrino e inizia effettivamente una chiacchierata con Elisa, l'assistente ai servizi dell'hotel. Augurano senza fine un felice anno nuovo e fantasticano sul tempo, se oggi nevicherà ancora di più, sia ieri o più, e in generale non c'è stata così tanta neve al mattino di Capodanno per secoli.

Mi sto innervosendo. Lo sto solo dicendo o ci sono voci dietro il fienile? Non uno suona esattamente come quello del poliziotto? Proprio mentre sto per arrancare verso il retro, Mario finalmente accende il motore. Espiro e lascio uscire la lingua. Vai ora.

Il viaggio in autobus mi tranquillizza immediatamente. Non c'è niente di meglio. Potrei sempre vivere sull'autobus, o quasi. La pelliccia di Fadrina e il suo tappeto di lana in soggiorno sono ancora più accoglienti, lo ammetto. Il calore dell'autobus e il familiare dondolio mi fanno appisolare. Mi sveglio solo quando sento la voce di Mario: Scuol-Tarasp, Staziun. Improvvisamente tutti i ricordi ricadono nel cervello del mio cane. fadrina I poliziotti. C'è una denuncia di persone scomparse? Mario sembra sempre. Devo andare. Veloce. Prima che qualcuno mi trovi. Mi alzo pesantemente e tremo. C'è un piccolo lago dove mi sdraio. "Fippo, fai sempre un pasticcio di uhuara!" dice Mario, ma non lo dice arrabbiato. Tuttavia, ottengo il mio sguardo da cane più innocente dalla gamma e poi mi fermo in modo invadente davanti alla porta sul retro. Sibila, si apre e io esco di soppiatto. Fuori, un ragazzino quasi mi sta sulla zampa: "Mami, lueg, de gross Hund!", urla e io mi faccio sparire.

E adesso? Per dove? Vedo il treno rosso sui binari. Hm. Sono un professionista nel guidare l'autobus, quindi anche il treno dovrebbe funzionare. L'annuncio dell'altoparlante suona, raccolgo alcuni frammenti: "Regio-Express direzione Disentis/Mustér a... Landquart traccia 2." Non ho idea di dove sia tutto questo, ma Landquart suona come paese e luogo. Sicuramente un buon posto per i cani. Le scale sono un po' ripide, ma riesco ad entrare.

Appena entro, un paio di sci mi cadono sulla schiena con un rumore metallico. Ahia! Non posso fare a meno di piagnucolare. “Attento!” Una voce di donna.“Cosa deve fare il cane durante la passeggiata?” La voce di un uomo, infastidito mi dimagrisco il più possibile e avanzo attraverso l'auto. Ci sono persone in tute da sci color pappagallo ovunque, che caricano slitte, borse, bastoncini da sci e zaini nel portapacchi. “Bugia mamma, un cane!” Una ragazza allunga la mano. Annuso velocemente e vado avanti. Dopo tre auto sembra diverso. Niente panchine, niente persone. Solo sacchi, scatole e qualche slitta. Rimarrò qui, nessuno mi vede qui.

Cado su uno dei sacchi di iuta per terra. E all'improvviso il mio cuore è pesante. Fadrina! Landquart dev'essere molto lontano. E se non la vedessi mai più? dovrei davvero guidare? O uscire subito? Troppo tardi! Il treno inizia a viaggiare. Trema un po' e mi dondolo avanti e indietro sul pavimento scivoloso. Finora nessuno mi ha notato. Non ci avevo pensato fino in fondo quando l'addetto al treno marciò dritto verso di me a passo svelto. Quando mi vede, rallenta. “Cosa stai facendo?” Tira fuori un cellulare. "Collega, per favore chiama: c'è un cane nel bagagliaio, irsuto e grosso. I proprietari sono invitati a prenderlo.» Sussulto. Per l'amor di Dio, no. Naturalmente, l'addetto al treno ha interpretato male il mio orrore. “Muasch kai Paura ah!” Il treno sferraglia. Inizio a tremare. Per fortuna l'uomo si allontana. Da lontano sento un crepitio nell'altoparlante, qualcosa con "... prossima fermata". E poi lo sento molto forte e chiaro: “Nel vagone bagagli in fondo al treno c'è un grosso cane randagio. I proprietari sono pregati di ritirare immediatamente l'animale."

Ho sussultato per il terrore. E adesso? Non voglio nessuna idea. Là! Qualcuno spinge la porta da parte. Passi. Ancora più passaggi. Di fronte a me due giovani donne. "Jösses", dice uno, "è carino!" Il suo collega mi guarda: "Innamorarsi!" La porta si apre di nuovo. Appare il conduttore di prima, mi guarda, guarda loro due. “È il tuo cane?” Le due giovani donne annuiscono, poi quella con i lunghi capelli rossi grida: “Sì, quella è Mikka. Purtroppo se ne va sempre. Ma ora lo portiamo con noi.” – “Non hai il guinzaglio?” “Sì, sì, nel nostro scompartimento.” – “E hai comprato il biglietto?” – “Ehm, sì, online. Ma al momento non ho il cellulare con me.» L'addetto al treno annuisce. "In tal caso, assicurati che rimanga con te ora. Non va bene per i cani passeggiare allegramente qui intorno."

Mi sento completamente diverso. Sembrano entrambi carini. Ma – io appartengo a Fadrina. Cosa dovrei fare?

Ti è piaciuto il post? Clicca qui per il prossimo post: Parte 4: Allarme ormonale!

#cibo per cani svizzera #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano svizzera #cibo per cani migliore #cibo per cani senza cereali #cibo umido per cani #cibo per cani premium

.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche