icon

?

Spedizione gratuita da CHF 75.- Cibo sano per cani di AniSwiss.

?

Nuovi snack in vendita ora per un tempo limitato! Usa il codice NEW per il 15% di sconto.

Parte 7 - La svolta

"Ciao!" Fadrina saluta i suoi ultimi ospiti dell'autopostale, il giovane Ganzoni con il suo carlino nero Lulu. Non che abbia mai voluto un carlino, ma Lulu le ricorda dolorosamente Fippo, anche se i due hanno tanto in comune all'esterno quanto un costume engadinese con un completo punk. Fadrina si passa la mano sulle gocce di sudore sulla fronte, per gli standard della Bassa Engadina si è fatto davvero caldo. Tempo per la pausa pranzo, il prossimo corso non inizia per mezz'ora. Con un sospiro, lascia l'autobus sulla piazza del paese e passeggia per il vicolo fino al "Da Salvatore", il boss le saluta da lontano. "Tiramisù, Chara?" chiama, lei alza il pollice.

Salvatore conosce le sue insolite voglie all'ora di pranzo. Quando non è in servizio le offre un limoncello, oggi è solo un cappuccino. "Prego!" Come sempre, si siede sul bordo della fontana per mangiare, abitudine che ha mantenuto dal lockdown. "La pizza andrebbe meglio, i pomodori almeno hanno le vitamine", dice Salvatore, come sempre, e come sempre ridacchia e risponde: "Sì, per te." Mette il viso al sole, assorbendo il caldo, chiude gli occhi , e vede di nuovo Fippo saltare nella neve alta come un coniglio, lontano da lei e dalla polizia.

Deve sorridere alla "Polizia". Riet Meier e lei sono diventate una storia pazza. Ma anche sorprendentemente bello. Nel frattempo, non ricorda più nemmeno com'era senza le sue visite quotidiane. Di norma si presenta all'improvviso, prima o dopo il lavoro, e ha sempre un souvenir con sé. Un martini (fuori orario), croissant (prima di andare in servizio), una lattuga, una penna speciale della questura... Sorride di nuovo. Il più delle volte viene con qualche pretesto, anche se è solo la notizia che non ha notizie da Fippo.

In primavera ha portato l'ultima vera notizia: che il legale proprietario ora voleva avviare una grande ricerca per Fippo con l'aiuto delle forze dell'ordine. Fadrina ricorda di oscillare tra paura e sollievo: se Fippo fosse stato ritrovato, almeno avrebbe saputo che era vivo e vegeto. Ora, nei suoi incubi, l'ha già visto giacere morto sul ciglio della strada, da qualche parte in Svizzera. E allo stesso tempo il timore che poi sarebbe stato consegnato alla sua padrona e lei avrebbe dovuto dimenticarlo ancora più di adesso. Fadrina non poteva far altro che aspettare. E in quella situazione, doveva ammettere a se stessa, la bionda Riet le era sembrata un angelo. Lei stessa è ancora considerata una "nuova arrivata" in città. Sì, nel frattempo ha incontrato molte persone, ma non è mai diventata altro che una breve conversazione sulla sua defunta nonna o una chiacchierata con la gente. "Devi entrare in un club, è l'unico modo in cui avrai una possibilità nel villaggio", le consigliarono le sue amiche della città di pianura. «Con il mio orario di lavoro irregolare?» ribatté Fadrina, segretamente contenta della scusa.

Quando torna a casa quella sera, Riet è già seduta davanti alla porta d'ingresso, con in mano due bottiglie di Malanser Pinot Nero. A quanto pare è direttamente dal lavoro, almeno è ancora in uniforme.

"C'è qualcosa da festeggiare?"
"Sì, forse. Abbastanza sicuro."

"Sì o no?"
"Te lo dirò quando saremo in casa. Se volessi essere così gentile da aprire la porta al tuo amico e aiutante."

Ride, apre la porta, fa un gesto invitante:

"Ecco a voi, Herr Ispettore, dopo di voi." Si precipita verso la cucina, posa le bottiglie sulla stufa a legna raffreddata.

"Non renderlo così eccitante!" grida Fadrina mentre appende la sua giacca di servizio sopra la sedia di pino.

"Prima il vino", dice Riet deliberatamente lentamente, prende con calma due bicchieri dalla credenza in soggiorno, prende il cavatappi dal cassetto storto della cucina, come se abitasse qui da anni Fadrina osserva affascinata mentre stappa il tappo bottiglia , senza nemmeno il minimo 'pop' da sentire, e come versa, la mano dietro la schiena come un cameriere galante.

"Viva la Cumpania!"

"Viva!"

I bicchieri tintinnano quando si incontrano, il suono indugia per un po' sul tavolo della cucina.

"Dimmi!"

Riet la guarda divertito, si appoggia allo schienale, appoggia al rallentatore il bicchiere sul tavolo e poi esclama: "Beh, la signora di Soglio deve andare una seconda volta in clinica di riabilitazione, probabilmente più lunga questa volta. Non crede più che Fippo tornerà mai e ha di fatto cancellato il suo diritto al cane. In realtà, legalmente non può, ma beh, in questo caso..."

Fadrina ascolta a bocca aperta.

"... In questo caso le ho detto che si poteva sicuramente fare qualcosa al riguardo."

"Vuoi dire?"
Sta trattenendo il respiro.

Riet sorride da un orecchio all'altro.

"Ciò significa che ora puoi registrarti come proprietario di Fippo presso l'ufficio di registrazione dei residenti. Le sue carte sono qui” – estrae goffamente dalla tasca una tessera di vaccinazione e la posa sul tavolo.

Fadrina prende la tessera gialla, la gira avanti e indietro.

"Significa che ora posso cercarlo legalmente? E se lo trovo, lasciarlo vivere qui altrettanto legalmente? Senza che tu e il tuo collega Caviezel vi presentiate e vorrete portarlo via?”
Riet beve un sorso abbondante e sorride ancora di più. "È esattamente quello che significa!"

"Oh wow!" - Come se il suo torpore le cadesse addosso, Fadrina si alza di scatto dalla sedia, balla per tutta la cucina, fino al soggiorno e ritorno, " Fippo appartiene a me, io, io, sì, questo è il giorno più bello da quando ho vissuto quassù", urla e abbraccia Riet spontaneamente e così forte che fa cadere il bicchiere, si frantuma in innumerevoli pezzi sul pavimento di pietra. “Non importa!” gli sussurra, “non importa!” Sorpreso, lui l'abbraccia mentre il vino gli ingoia i pantaloni dell'uniforme e gli gocciola dalle dita. Un odore amaro si diffonde in cucina. Ride quando lo vede e non riesce a smettere, solo dopo lunghi minuti le arriva il rotolo di carta da cucina.

Vorrebbe sedersi al suo taccuino e scrivere la denuncia delle persone scomparse. Pulisce i cocci in un attimo, mette un po' di sale e acqua minerale sui pantaloni dell'uniforme di Riet. "Ehi, che stai facendo... -" - "Il vecchio trucco casalingo di mia nonna", risponde impassibile. Poco tempo dopo sono entrambi seduti sul divano e pubblicano annunci su tutte le piattaforme in cui è possibile segnalare animali scomparsi. "Finalmente posso fare qualcosa, l'attesa mi ha sfinito", dice soddisfatto Fadrina mentre il tipografo sferraglia e sputa fuori il volantino che i suoi genitori e amici in pianura dovrebbero distribuire e riattaccare generosamente. Fortunatamente, nel troppo breve tempo in cui Fippo ha vissuto con lei, gli ha scattato più di 100 foto.

Quando Riet dice addio, la macchia sui suoi pantaloni è quasi diventata neutra. L'orologio della chiesa suona una volta. "Oh, e domani ho il turno in anticipo", ricorda Fadrina. Riet grist: "Anche io!"
"Buna no", lo chiama, e: "Grazcha fich", grazie mille. Si gira mentre corre, si ferma per un momento, le manda un bacio e poi scompare nella luminosa notte d'estate, i suoi capelli biondi che brillano al chiaro di luna.

La ricerca di Fadrina la porterà dal suo amato Fippo? Clicca qui per il prossimo post: Parte 8 - Attenzione, eccitazione!

#cibo per cani svizzera #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano #cibo per cani sensibile #cibo per cani sano svizzera #miglior cibo per cani #cibo per cani senza cereali #cibo umido per cani #cibo premium per cani

1 Antwort

Marion Benazzi

Marion Benazzi

agosto 05, 2021

Ich kann’s kaum abwarten wir es mit unserem Fippo weiter geht, wird wahrscheinlich schwierig sein das er seine Reise weiter angeht wo er sich ja bei Marcel im Schlaraffenland befindet 😆… so herzig und mit einer love story beflügelt, das tut gut der Seele wo einem von der Corona Situation ablenkt 😉… freue mich schon aufs weiter lesen.

Schreiben Sie einen Kommentar

Kommentare werden vor der Veröffentlichung genehmigt.
Suche